TARES (Tassa sui rifiuti applicata solo nel 2013)

L’art.14 del D.L. 201/2011 – Decreto Salva Italia stabilisce con decorrenza 1° gennaio 2013 l’istituzione in tutti i comuni del territorio nazionale del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, a copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento,svolto in regime di privativa dai comuni, e dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni, sopprimendo nel contempo tutti i vigenti prelievi relativi alla gestione dei rifiuti urbani, sia di natura patrimoniale sia di natura tributaria, compresa l'addizionale per l'integrazione dei bilanci degli enti comunali di assistenza.

Le innumerevoli modifiche a tale norma, succedutesi dal 1° gennaio in poi e ad oggi ancora in itinere rendono l’applicazione di questo nuovo tributo oltremodo incerta ed hanno spinto l’Amministrazione Comunale ad approfittare dell’ultima modifica che prevede la possibilità di far pagare ai contribuenti degli acconti sull’importo pagato nel 2012 per la vecchia tassa raccolta rifiuti rimandando l’approvazione del regolamento di attuazione e delle tariffe non appena la normativa diventerà definitiva, anche per non concentrare tutto il carico fiscale nei mesi di giugno e dicembre.

Con provvedimento n. 24 del 22/4/2013 l’Amministrazione Comunale ha stabilito che il versamento della Tares avverrà in tre rate:

1.a rata 30 maggio

2.a rata 30 settembre

3.a rata - versamento a conguaglio 1° dicembre 2013

Gli importi relativi alle prime due rate non tengono conto né delle nuove tariffe Tares né della maggiorazione di spettanza dello Stato ( € 0,30/mq.) ma sono calcolati in percentuale su quanto dovuto nel 2012 a titolo di tassa raccolta rifiuti.

Il pagamento a saldo da versarsi entro il 1° dicembre 2013, sarà parametrato per le utenze domestiche sia alla superficie che al numero degli occupanti mentre per le utenze non domestiche sia alla superficie che alla destinazione d’uso, maggiorato della quota riservata allo Stato (€ 0,30/mq.) e detratti gli importi versati a titolo di acconto.

I contribuenti riceveranno presso la loro residenza nel corso del mese di maggio una prima comunicazione con allegati i bollettini CCP per il versamento delle prime due rate.

Successivamente riceveranno una seconda comunicazione contenente le istruzioni e le modalità per il versamento della terza rata di saldo